20 Aprile 2024

“Satanic Panic Attack” è l’ultima uscita di Midnight Guest, l’EP contiene quattro tracce. Mixato da Daniel Stunges, masterizzato da Arthur Joly e con una cover di Juarez Tanure, l’uscita porta influenze musicali da Black Sabbath, Type O’Negative e rock alternativo. È buio, ma allo stesso tempo balla.

L’EP “Satanic Panic Attack” presenta un gioco di parole; “Satanic Panic” deriva dal “Satanic Panic” degli anni ’80, dove le persone attribuivano tutto a un presunto coinvolgimento di qualcosa con il satanismo; bruciarono dischi rock e dissero che Dungeons & Dragons era opera del diavolo. Un misto di isteria e caccia alle streghe. “Panic Attack”, deriva da un tema che compare in 3 delle 4 canzoni dell’EP: ansia e attacchi di panico. Midnight Guest ha riunito una delle cose emerse di più durante la pandemia: l’aumento dell’ansia tra le persone e anche la caccia alle streghe e la lotta contro i mulini a vento che abbiamo visto principalmente da questo governo pazzo e dai suoi sostenitori, anche se questo mi sembra essere un fenomeno globale.

Come ponte tra il presente e il passato, Midnight Guest sintonizza l’heavy rock e il rock occulto degli anni ’70 con un look moderno. Il progetto creato nel 2020 dal chitarrista Daniel Stunges si unisce alla voce di Kjetil Landsgard, direttamente dal Canada, e ai musicisti Tadeu Correa alla batteria ed Eduardo Oliveira al basso. La genesi di Midnight Guest nasce dal desiderio di creare all’interno del genere rock occulto, reso popolare da nomi come Black Sabbath e Ghost, ma che aveva anche un’attitudine punk mista a metal, come nel caso di Motörhead e Misfits. Questo suono più analogico ha guidato l’intera produzione.

La band heavy rock brasiliana/canadese Midnight Guest continua a conquistare il suo spazio nella scena internazionale con l’uscita del nuovo EP. Con un peso record e un suono unico, la band continua ad apparire nelle pubblicazioni di tutto il mondo, conquistando la critica di tutto il mondo.
Abbiamo parlato con la band della loro traiettoria, composizione e processo di registrazione, influenze artistiche, tra le altre curiosità. Guardare:

SGW: Da dove viene il nome “Midnight Guest”?
Daniel:
Il nome deriva da una delle canzoni del nostro primo EP, il cui tema riassume bene le nostre influenze. Inoltre, è un nome che suonava bene per me. Ci sono già o ci sono state così tante band che è molto difficile trovare un buon nome!

SGW: Come e quando è nata la band?
Daniel:
Nel 2020 ho deciso di invitare alcuni amici a registrare e pubblicare alcune canzoni che ho scritto all’inizio della pandemia. Le cose sono andate molto più lisce del previsto e quando ho capito che eravamo diventati una band. Tadeu, Kjetil ed Eduardo sono musicisti fantastici e persone davvero simpatiche, quindi è stato fantastico far parte di una band con loro.

SGW: La band continua a promuovere la loro ultima uscita, l’EP intitolato “Satanic Panic Attack”. Com’è stato il processo di registrazione di questo materiale?
Daniel:
A causa della pandemia e della distanza tra noi e Kjetil, che vive in Canada, quasi tutto è stato fatto online. Ci siamo scambiati idee e demo tra di noi, poi ognuno si è registrato nei rispettivi home studio (ad eccezione della batteria, che ho accompagnato alla registrazione con Tadeu).

SGW: Il materiale è stato accolto molto bene su siti musicali specializzati nazionali e internazionali. In che modo la band sta vedendo un feedback così positivo dal materiale pubblicato?
Kjetil:
Il feedback è fantastico, soprattutto perché siamo andati avanti e abbiamo forgiato il nostro suono con accenni di metal classico. A volte canto in modi diversi, che non sono necessariamente “metal”. David Bowie, Peter Steele… Insieme ad alcune urla in stile anni ’80 e un “ringhio” in stile Ugly Kid Joe. C’è! Le canzoni erano fatte su misura per questo e penso che alla fine siano state davvero fantastiche e uniche. E vedere questo supporto da parte delle persone ci dà fiducia!

SGW: Le loro canzoni mostrano molta intensità e dedizione da parte della band. C’è una composizione che è più speciale per te?
Daniel:
Per me è Hellfire. È stata la prima canzone che ho scritto per la band e la prima che ho sentito cantare Kjetil. Ogni volta che lo sento ricordo quanto rimasi colpito dalla sua voce e dalla sua performance.
Kjetil: Ah! Scolpisci il paradiso dall’inferno! È una canzone motivazionale per guidare l’umanità a istruirsi sull’occulto e ad affrontare le paure e le domande che ne derivano. Il riff sludge è una specie di punto debole per me… E mi sono davvero divertito a suonare l’assolo di chitarra!

SGW: Quali band e fonti artistiche ispirano il sound dei Midnight Guest?
Kjetil:
Sabbath, Misfits, Ugly Kid Joe, Type O Negative, David Bowie, Corrosion of Conformity, Chris Cornell
Daniel: Da parte mia, qualunque cosa stia ascoltando in questo momento. Ho sempre ammirato le persone che non hanno passato la vita attaccate a un solo tipo di suono o formula, come David Bowie, Bob Dylan e i Metallica. Tuttavia, facciamo canzoni molto basate sui riff, quindi le influenze dei Deep Purple e dei Black Sabbath saranno sempre presenti in qualche modo.

SGW: Che band ascolti?
Kjetil:
Ultimamente bande oscure che stanno caricando su piattaforme di criptovaluta. Sono davvero eccitato per qualcosa di nuovo ultimamente, con arrangiamenti e suoni pazzi, testi introspettivi… E David Bowie sembra sempre finire nelle mie playlist! Nei giorni uggiosi ascolto Chris Cornell.
Daniel: Hellacopters, David Bowie, Lucifer, Turbonegro e Motorhead.

SGW: Possiamo aspettarci presto altro materiale inedito? Clip?
Daniel:
Stiamo assistendo all’uscita di una nuova clip e stiamo già lavorando a nuove canzoni da pubblicare questo semestre.
Kjetil: Assolutamente. Stiamo lavorando a un video dietro le quinte per la band. Creando anche una clip per L’ora del lupo. Alla fine ho avuto un ragazzo con un drone e una licenza per usarlo e ho comprato una videocamera 4k; ora ho anche delle persone che mi aiutano a filmare. Quindi dovremmo avere nuovo materiale il mese prossimo.

SGW: Sei entusiasta della ripresa degli spettacoli?
Daniel:
Le band che seguo hanno cancellato molti concerti, specialmente in Europa, quindi siamo ancora cauti al riguardo. Aspettiamo ancora un po’ per vedere se la situazione si stabilizza. Dopotutto, viviamo in paesi diversi, nel qual caso avere gli spettacoli cancellati improvvisamente sarebbe un vero disastro per noi hahaha Ma vogliamo suonare dal vivo il prima possibile!

https://open.spotify.com/album/5DA16pruG8vLeSV6ZR0GNv

About Author