24 Giugno 2024

È disponibile da oggi su tutte le piattaforme digitali (https://links.altafonte.com/alpglxe) “Stranieri”, il nuovo singolo dei Fiori di Cadillac per Boc Music group con distribuzione Altafonte. La produzione musicale del brano è di Frank Sativa, direttore artistico di questa nuova fase del duo salernitano composto da Luigi Salvio e Valerio Vicinanza che, dopo una pausa dovuta agli strascichi della pandemia, è tornato due settimane e mezzo fa con il singolo “Ultima nave”. “Stranieri” è un brano pop in cui si percepisce il legame della band con la tradizione più innovativa del cantautorato italiano. Il testo parla di persone che non riconoscono più se stesse, per varie circostanze della vita, magari perché “si sono stordite e annullate o perché sono state costrette ad andar via dal proprio paese per inseguire i sogni altrove o perché sono sfiancati da una relazione sfilacciata” come racconta il duo.

“Stranieri – proseguono i Fiori di Cadillac – sono i pazzi di Cadillac Sur Garonne che hanno dato il nome alla nostra band, ossia quegli ammalati di diversità, non capiti, non tutelati. Quei ‘pazzi’, rifiuti della società post-bellica francese, di cui nessuno aveva più memoria, dissolti nelle dimenticanze del mondo esterno all’istituto in cui erano rinchiusi. La suggestione di questo brano nasce da qui e dal nostro monologo ‘Vivere di musica’, uscito lo scorso 10 novembre, che riassume quanto ci è accaduto negli ultimi anni. Per un attimo ci siamo immaginati anziani, a fare una lunga passeggiata su una spiaggia lontanissima, a chiederci l’un l’altro come fosse andata, a fare un riassunto della vita intera nel nostro ultimo giorno su questa terra. Il racconto di come ci fossimo persi e poi ritrovati. Stranieri di noi stessi…”.

I FIORI DI CADILLAC nascono nel 2010 a Salerno come trio ma attualmente sono un duo composto da Luigi Salvio (1986) e Valerio Vicinanza (1988). Il nome d’arte è ispirato a Cadillac Sur Garonne, un paesino francese dove, durante il regime filo-nazista di Vichy, sono state sepolte più di quattromila persone ritenute “diverse”, pazzi per alcuni, fiori rari per la band che a loro, come a tutte le persone che custodiscono preziose diversità, dedica il proprio nome. La musica dei Fiori di Cadillac è prodotta attraverso un pianoforte, suoni sintetizzati, una chitarra e una batteria. Sul finire del 2013 il gruppo pubblica l’album d’esordio, “Cartoline”, al quale segue un lungo tour in club e festival nazionali. Nel 2017 comincia il lavoro di stesura del nuovo album insieme a Giulio Ragno Favero. Al disco, composto da 9 tracce, collabora anche Andrea Suriani che affianca Favero nella produzione e nel missaggio. In questo periodo i Fiori di Cadillac firmano per INRI che, nei primi mesi del 2020, pubblica il loro secondo album, “Fuori dalla storia”. Archiviato presto il disco a causa dell’emergenza Covid, il duo, dopo un periodo di pausa, inizia a produrre nuovi brani sotto la direzione artistica di Frank Sativa e si rifà vivo ufficialmente nel 2023.

About Author