2 Marzo 2024

Walls of Babilon è un progetto nato alla fine del 2013 e il suo scopo è quello di trovare un posto nella scena metal con un suono mescolato da influenze etereogene dei suoi componenti: trash, black, punk rock, scandinavian death seguendo la stessa linea guida del potere e metallo progressivo. Nel 2015 è uscito “The Dark Embrace”, il primo lavoro della band, che prevede sonorità cupe e ritornelli orecchiabili per imprimere le caratteristiche del gruppo sin dagli esordi Il 2018 è stato l’anno del primo album internazionale “A Portrait of Memories” in uscita grazie a Revalve Records. È un lavoro che evidenzia un sound più oscuro rispetto al precedente ma con una maggiore complessità di songwriting che mostra il percorso di crescita della band.

Il nucleo di questo progetto è a dir poco contemporaneo: nel 2020 nasce “Fallen” che spazia in un’ampia varietà di generi tra rock classico e progressivo.

Quello che ne esce fuori è un gradevole e coinvolgente alternative metal, che senza mezze misure ti entra in testa come un treno in corsa. Durante l’ascolto si possono apprezzare, suoni corposi e intensi, ben sostenuti da una linea vocale che ne esalta le potenzialità e allo stesso tempo le qualità della band.

L’andamento del disco risulta vario e originale, con aperture di suono che si dimostrano una bella variante riuscendo a generare uno spiraglio di luce in questa atmosfera quasi cupa, ma per niente brutta. Una sinergia comprovata in più di una circostanza per mezzo di brani dove primeggiano i cambi di tempo quasi improvvisi e che si rivelano una manna dal cielo per non cadere in un percorso, scontato e banale.

“Fallen” è un’altro tassello importante nella discografia dei Walls of Babilon, per un cammino che sicuramente porterà a delle belle soddisfazioni. Da ascoltare con il massimo rispetto e la massima attenzione.

About Author