24 Giugno 2024

Silas Funk è stato coinvolto nella musica fin dall’infanzia. Ma fu solo quando compì 21 anni che fondò la sua prima band Alt-Rock. Quella band crebbe fino a 4 membri e registrò un EP di 6 canzoni sotto il nome SnoGlobe. Hanno suonato dal vivo in tutta l’area di Los Angeles per diversi anni. Ma come molte band, si separarono quando non fu possibile concordare una direzione stilistica.

Diversi anni dopo, Funk si riunì con il batterista di SnoGlobe e formò una nuova band di elettronica chiamata Terminal-3. Registrarono 3 album e furono trasmessi in radio, ma alla fine anche quel progetto fallì.

Negli anni successivi, Funk iniziò a comporre colonne sonore per film e TV, principalmente documentari della NASA ma anche alcuni programmi di fantasia. Ma il sogno di far parte di una band era ancora nella sua mente e non lo lasciava dormire la notte.

Alla fine, nel 2022, Funk decise di diventare solista e registrare un album di debutto da solista di canzoni che aveva scritto nel corso degli anni. Tuttavia, durante il processo di registrazione di quelle vecchie canzoni, le buttò tutte tranne due e ne scrisse invece 10 nuove.

Il suo album di debutto, intitolato Sugarfixx, uscirà nell’autunno del 2023. L’album contiene un mix di suoni e influenze ma attinge principalmente ai generi Post-Punk, New Wave/Alternativi della fine degli anni ’70 – primi anni ’90.

“È un suono a cui mi sento particolarmente legato perché penso che sia stato un periodo incredibilmente creativo per il rock and roll. Devo abbracciare quel suono ma non voglio sembrare troppo retrò. Voglio andare avanti, non indietro. “

“Phony”, è un brano dove si possono apprezzare dinamiche coinvolgenti che esaltano il sound generale, generando di fatto vibrazioni intense che trasportano l’ascoltatore verso dimensioni piacevoli. Una proposta, che si rivela morbida ma allo stesso tempo leggermente energica. Con riff ridondanti che lasciano spazio ad intenti più corposi.

SILASFUNK , si muove con naturalezza nel suo ambiente musicale, senza annoiare l’ascolto, generando metriche fluide davvero azzeccate, riuscendo a dosare una mole di dinamica che regala concretezza ed un sound maturo quanto basta per farsi notare ed apprezzare.

Per gli amanti del genere , è sicuramente una buona proposta semplice, diretta che si lascia ascoltare sin dalle prime battute ed incuriosendo sempre di più, porta al finale con facilità e gradevolezza.

7.0/10

Tracklist:

  1. “Phony”
https://open.spotify.com/intl-it/track/4OXUFnqPxTpgNp06SqcKLW?si=8a8b184f9d324f90

About Author