13 Giugno 2024

Senza trovarsi mai nasce nel marzo del 2020, l’anno in cui la band ha visto il proprio disco d’esordio strozzato dalla pandemia. Ed è proprio dalla delusione edalla rabbia che prende vita questo secondo album, la cui gestazione è durata ben quattro anni. Il contributo fondamentale è stato dato da Davide “Divi” Autelitano dei Ministri che ne ha curato la produzione artistica. 

Senza trovarsi mai scandaglia tutta quella marea di emozioni vissute con intensità durante il periodo pandemico: la sensazione di chiusura, quella di non vedere una fine al dolore, la rabbia che ne scaturisce e la grinta nel voler affrontare il mondo ma sentirsi costrettiin catene. E poi la paura e la curiosità di andare a fondo in se stessi.Il tutto dalla prospettiva di tre ragazzi con la voglia di raccontarsi attraverso i propri strumenti distorti, e che per poter imprimere le emozioni ancora calde decidono di comporre “a distanza” con mezzi di fortuna, aspettando solo di ritrovarsi per sentire come quegli input si traducono dal vivo.

 “Fin dalla prima settimana di lockdown abbiamo pensato di cercare di sfruttare quel tempo indefinito per comporre musica nuova. La mancanza di prospettiva e la disillusione del disco praticamente ucciso dalla pandemia, ci hanno fatto da motore per andare avanti. L’album è infatti rabbioso e malinconico, ma c’è sempre quel velo di speranza che un po’ ci descrive. In fondo siamo semplicemente tre ragazzi con il bisogno di alzare al massimo gli amplificatori per cercare la felicità.
(Scuse Inutili)

Ascolta il singolo

Biografia

Scuse Inutili sono una band alternative rock della provincia di Arezzo composta da Luca Panoni (chitarra e voce), Marco Freschi (basso e cori), Davide Boschi (batteria e cori). Il gruppo nasce dal bisogno di produrre un repertorio di brani in lingua italiana ma che possano spaziare da sonorità incalzanti tipiche dell’hard rock ad altre più delicate e melodiche. 

Tra le maggiori influenze della band troviamo artisti internazionali quali Biffy Clyro, Red Hot Chili Peppers e Foo Fighters, e gruppi italiani come I Ministri, I Verdena e I Fast Animals and Slow Kids. Nel corso degli ultimi anni Scuse Inutili hanno portato su vari palchi d’Italia il disco d’esordio “Come pensi di scappare” che ha collezionato più di quarantamila di stream su Spotify.

In occasione di festival come l’Off Topic di Torino, il Mengo Music Fest di Arezzo e il Memorabilia Festival di Recanati la band toscana ha condiviso la scena con i FASK, Diodato, Joan Thiele, Paolo Benvegnù, Management, Andrea Laszlo De Simone, Atlante solo per citarne solo alcuni. 

Il prossimo anno il gruppo ha in programma l’uscita di un nuovo disco prodotto da Davide “Divi” Autelitano della celebre band dei I Ministri, registrato, mixato e masterizzato al Glotoneria Studio di Montichiari (BS). 

Il 17 novembre è uscito il singolo “Non avere fretta” per l’etichetta indipendente TSCK Records, seguito da “Occhiaie” disponibile dal 12 gennaio. La band toscana pubblica, alle porte della primavera, il brano “Anche se poi farà male” disponibile dal 15 marzo 2024. Il 26 aprile esce il nuovo lavoro di Scuse Inutili, l’album “Senza trovarsi mai”.

About Author