24 Giugno 2024

Fuori in distribuzione Believe Digital il singolo di debutto del progetto solista di Damon Arabsolgar (attualmente, anche una delle metà dei MOMBAO) dal titolo “Nitida“. Una canzone d’amore scritta durante l’inizio di una separazione, un tentativo inconsapevole di imprimere un’istantanea, lasciare una traccia del sentimento per cui valeva la pena lottare per tenere tutto insieme. Damon si svela così, con questo anticipo di un disco di quella che sarà un’autobiografia musicale, indossando una veste sinora inedita che si compone di fragilità e vulnerabilità sussurrate, lontano dall’immagine impattante a cui ci avevano abituato i Mombao. 

Complice l’influenza e l’energia che si respira al Supermoon Studio di Giacomo Carlone (un luogo caro a Damon in cui aveva deciso di traslocare il suo pianoforte su cui aveva scritto tutte le canzoni del disco di prossima uscita) e la collaborazione del musicista e compositore di musica contemporanea Vincenzo Parisi, il primo singolo di Damon Arabsolgar condensa suggestioni che derivano dalle sue esperienze musicali e non, attraversando mondi che sono apparentemente ossimorici come la musica contemporanea, il rock, l’elettronica e il cantautorato folk.
 

SCOPRI IL BRANO: 
https://bfan.link/nitida-damonarabsolgar



artwork di Ginevra Battaglia

Testo e musica: Damon Arabsolgar
Arrangiamento degli archi: Vincenzo Parisi
Supervisione dell’arrangiamento: Damon Arabsolgar
Registrazione: Giacomo Carlone

Mix: Giacomo Carlone e Damon Arabsolgar
Prodotto da Giacomo Carlone e Damon Arabsolgar
Pianoforte e voce: Damon Arabsolgar
Primo violino: Alessio Cavalazzi
Secondo violino: Elisa Cavalazzi
Violoncello: Andrea Cavalazzi
Pianoforte registrato nel laboratorio Sciurti di Milano, Maggio 2022
Voci registrate fra il laboratorio Sciurti e il Supermoon Studio di Giacomo Carlone
Archi registrati da Simone Coen al Riverside Studio, Marzo 2023
Masterizzata da Giovanni Versari
 

Tra le influenze di “Nitida” troviamo anche Sakamoto, Radiohead, Warren Ellis e Nick Cave e Daniel Blumberg mentre l’arrangiamento degli archi di Vincenzo Parisi, un incontro fra Fausto Romitelli e Morton Feldman, è un viaggio fatto di soffi, grattati, glissati e indicazioni su come suonare gli archi in una maniera inaspettata e ci accompagna lungo cascate, scivoli, sentieri di cristallo su cui camminare in punta di piedi e squarci di tessuti. La ricerca artistica di Damon, nell’incontro con Parisi, unisce tempi storici diversissimi, fra un certo approccio improvvisativo derivativo del jazz, la musica classica e il linguaggio della contemporanea, una dimensione finora poco esplorata insieme al cantautorato in lingua italiana. L’esecuzione è stata affidata al Trio Cavalazzi, ensemble di musica contemporanea.

La musica di Damon Arabsolgar si dimostra esser fatta per essere ascoltata al buio, con gli occhi chiusi, e conduce altrove, portandoci dal più microscopico dettaglio ad un volo oltre la stratosfera, laddove l’orizzonte si curva e le cose quotidiane perdono di senso. Le strutture sono sempre imprevedibili eppure non lasciano mai disorientati, accompagnando per mano l’ascoltatore in un vero e proprio viaggio da cui ci si risveglia diversi, come dopo un lungo sogno rivelatore.

foto di Ginevra Battaglia
 

Nitida” nasce, come molte mie canzoni, dall’incontro di due poesie.
La prima associa l’invecchiamento di mio padre al lutto che stavo provando nel perdere i possibili futuri che avevamo immaginato insieme, la seconda invece è un’istantanea di una domenica mattina di primavera, passata ad osservarla mentre dorme, per cogliere il preciso istante in cui avrebbe aperto gli occhi e la luce che entrava dalla finestra le avrebbe attraversato le iridi, rendendole trasparenti.

Il giorno in cui abbiamo registrato gli archi è stato un giorno speciale e durante la loro prima e definitiva esecuzione, tremavo. Quello che avevo vissuto in quei quattro anni, racchiusi in quella canzone, trovava finalmente un corpo e mi lasciava per sempre.

In quel momento mi sono sentito libero e felice, circondato da amici e fratelli, amanti, compagni di una vita che vale la pena di essere vissuta intensamente in ogni sua sfumatura, dalla depressione più inestricabile alla gioia più estatica.

Per questa esperienza devo ringraziare innanzitutto Giacomo Carlone, mio produttore e amico, un’anima sensibile e paziente, senza la cui competenza e coraggio non avrei mai finito questo lavoro e Vincenzo Parisi, per aver scritto un arrangiamento di archi che è un piccolo miracolo e per il supporto dei rispettivi percorsi artistici in cui abbiamo creduto anche nei momenti più bui, ben prima che riuscissimo a rendere i nostri sogni reali.

 Un ultimo ringraziamento va a Simone Coen, Ginevra Battaglia, Alessio, Andrea ed Elisa Cavalazzi, Francesco Sciurti.

(Damon Arabsolgar)



foto di Ginevra Battaglia
 

BIO:

Damon Arabsolgar è poeta, compositore, autore, produttore e performer.

Da piccolo, ha cominciato a scrivere e registrare canzoni su cassette magnetiche e non ha mai smesso, spinto dalla necessità di rimanere da solo con il suo pianoforte per dar voce, in maniera puramente istintiva, alla sua parte più vulnerabile e sincera. Parallelamente alla sua intensa attività live con il duo MOMBAO, negli ultimi sei anni ha segretamente lavorato alla scrittura del suo progetto solista, in cui Damon torna alla sua natura più intima e cantautorale. Decide di usare per la prima volta il suo nome di battesimo solamente ora, per pubblicare del materiale profondamente personale realizzato con un senso di urgenza e bisogno di catarsi.

Le sue canzoni sono oceaniche e siderali, parlano di amore e separazione e nascono come gesti quasi involontari, un’emersione inconsapevole di immagini, come poesie veggenti in grado di dar voce a parti sommerse di sé, prevedere il futuro. Il materiale era basato inizialmente su voce e pianoforte e solo successivamente è stato ampliato insieme al suo produttore, Giacomo Carlone (Abe, Angelica, Dadasutra, Checco Curci, Egokid) introducendo sintetizzatori modulari, prese dirette, batterie, chitarre e arrangiamenti per archi di musica contemporanea, scritti dal compositore Vincenzo Parisi (1° Premio al Concorso di Composizione del Conservatorio Verdi di Milano, il 1° Premio al Concorso Internazionale di Composizione Jorge Peixinho in Portogallo, vincitore della Call For Scores 2021 indetta dalla Collana Discografica 19’40” fondata da Enrico Gabrielli) e suonati dal Trio Cavalazzi (Elisa Toffoli, Dardust)

Le sue influenze spaziano da Patrick Watson a Luigi Tenco, da Andrea Laszlo de Simone ai Radiohead, da Arvo Pärt ai Big Thief, passando per Nils Frahm, Nick Cave, Emma Ruth Rundle, Daniel Blumberg, Tamino, Sparklehorse e i The Microphones. In combinazione con la sua voce, il pianoforte di Damon crea una sorta di intimità, come se fossimo seduti accanto a lui la notte, mentre ci sussurra ballate malinconiche ed esperienze spirituali, catturando l’imperfezione e la vulnerabilità dell’umanità. 

Da sempre artista multidisciplinare e poliedrico, nel corso degli ultimi quindici anni, con i suoi progetti paralleli (MOMBAO), ha rilasciato tre LP e quattro EP, suonando in tutta Italia, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Marocco e Russia e calcando alcuni dei più importanti palchi nazionali (Carroponte, BASE, Magnolia, Jazzmi, TPO, Arcellabella) e internazionali (Kino Siska, MENT Festival). Con i MOMBAO ha inoltre anche partecipato all’edizione di X-Factor 2021.

Produce colonne sonore sotto il nome CAVALLIPAZZI insieme a Giacomo Carlone, ed è attualmente artista associato di BASE Milano con cui collabora per progettualità triennali e curatela di una parte di FAROUT, festival di arti performative.

About Author