24 Giugno 2024

Il nuovo disco dei Miqrà “Amor vincit omnia” racchiude tutte le anime di una band indie pop (anche se definirsi e definire indie qualcosa o qualcuno ha ormai poco senso). Dal cantautorato chitarra in spalla alla De Andrè, al sibillio dei Massimo Volume, per poi passare alla sicilianeità di Battiato, al rumore assordante delle chitarre distorte in pieno stile post-rock.

I Miqrà sono appunto un miscuglio di influenze che difficilmente li appartiene ad una sola etichetta, come appunto “Amor vincit Omnia” espressione attuale della band. L’album è, come detto prima, espressione di un momento di grazia della band, che corona così, con gran soddisfazione, un disco pieno di storie, sentimenti, sensazioni, che difficilmente si potrebbero ascoltare in qualsiasi altro disco indipendente del momento. Tra tutti i brani spiccano ovviamente il singolo “La catastrofe in me” dal sapore pop e “Calicanto”, brano emblematico della poetica e del fascino dei Miqrà.

Il disco probabilmente risulta avere un pubblico ben preciso e non mira alla massa, ciò che sicuramente possiamo dire è che “Amor Vincit Omnia” è un disco per romantici (per gli ultimi probabilmente) in un periodo di forte incertezza. Come a ricordarci che alla fine, solamente l’amore e la bellezza potranno salvarci. Ottimo disco, da consigliare agli amanti degli artisti citati prima!

REDAZIONE

About Author