27 Febbraio 2024

“Lost in translation” è il nuovo Ep di Michael Neal , un concentrato di musica classica che impressiona per semplicità e capacità di lasciare un segno indelebile già dal primo ascolto. Un percorso di circa quindici minuti, il cui concetto si basa su emozione da sprigionare con l’uso del solo pianoforte, dunque qualcosa di profondo e per niente scontato.

Durante l’ascolto possiamo apprezzare brani che colpiscono per l’energia con cui vengono eseguiti seppur si stia parlando di un “semplice” pianoforte che riesce a disegnare metriche varie e coinvolgenti, lasciando spazio a brani più morbidi e dal sound chiaro. Michael a nostro modo di vedere, trasformare l’atmosfera quasi in un lamento, in uno straziante momento sonoro, e che alla fine dei conti risulta una scelta vincente perchè regala dinamica all’ascolto che si rivela ancora una volta una composizione di pregevole fattura.

“Lost in translation” si presenta come un Ep prettamente melodico i cui suoni puliti sono la struttura portante, non mancano timidi innesti più decisi. caratteristica che è fonte di ispirazione per Michael.

In generale siamo difronte ad un prodotto suonato con semplicità, curando ogni minimo dettaglio per rendere l’ascolto varo e soprattutto gradevole.

About Author