24 Luglio 2024

Matteo Prencipe nasce a Torino. Sin in tenera età dimostra un interesse verso la musica che da lì a poco lo porterà verso il suo “primo amore” la batteria. Negli anni approfondisce il canto,

collaborando con artisti dell’hinterland torinese. “Bianco” questo il suo primo lavoro, è un album di dieci tracce, un disco “umanista” a detta del cantautore dove al centro c’è la persona con tutti i suoi perfetti difetti: Perché molto probabilmente senza quelle “spaccature” create dai difetti non avremmo una storia, niente da raccontare. Ed in quelle storie ci troviamo, ci perdiamo per poi ritrovarci di nuovo.

Dopo una breve intro , si parte subito al fulmicotone con “Consumato” dove l’intreccio tra chitarre taglienti e una linea vocale ben impostata, rendono l’ascolto trascinante, lo scenario a tratti cambia rendendo l’ascolto morbido e fluido “Leggero” , “Bianco” per citarne alcune, Questo primo album comunque presenta per la maggior parte una bella componente di adrenalina e potenza riuscendo così a proporre variazioni sul tema che rendono l’ascolto avvincente e convincente, grazie anche all’inserimento di dettagli che testimoniamo la padronanza tecnica e il buon bagaglio di idee di Matteo.

Il quadro si completa buttando un occhio anche alle tematiche infatti, in questo album, si parla di una sorta di viaggio che Matteo Prencipe ha voluto raccontare in queste 10 canzoni. Momenti di vita personale raccolti in musica: persone, emozioni, dubbi, domande, speranze,

decisioni… per lasciare una traccia. Comprendere meglio il passato e (forse) capire il futuro.

Matteo Prencipe dunque, sà farsi distinguere dalla massa, per un impegno costante nel comporre musica d’impatto e originale. I brani quindi sono tutti validi e hanno anche il pregio di rimanere memorizzati sin dalle prime battute, quindi non resta che supportare questo artista, perchè già da ora merita massima considerazione

https://open.spotify.com/album/5LFnmRYED3jWaylKep4wwN?si=n7tz9VkPS823VTy6AtgO3Q

About Author