26 Febbraio 2024

Tecnica ed energia sul palco, perseveranza e tenacia nella vita. Nato a Genova nel 1977, Davide Merletto è un cantante rock e metal che ha militato in band come Planethard e Daedalus. Artista polivalente, è stato anche volto e protagonista di “Jesus Christ Superstar” di T&M Live LiguriArtShow, messo in scena nei principali teatri del nord Italia. Attualmente è voce e frontman dei Lace, progetto rock realizzato con Andrea Torretta (chitarra, Meganoidi), John Macaluso (batteria, Malmsteen, Symphony-X), Sven Sieber (basso, Crystal Ball), Francesco La Rosa (batteria, Extrema) e Stefano Lionetti (chitarra, Lionville).

SGW: Ciao Davide, raccontaci di come è nato “On Your Way” e di come lo avete portato a conclusione.
Lace:
Ciao ! Grazie a te e a tutti voi per il vostro interesse nel mio lavoro, è un piacere essere qui. Molte delle canzoni contenute in questo EP erano nel cassetto da qualche tempo e, per una serie di circostanze, non avevo mai trovato il modo di lasciarle uscire. Quando il desiderio di registrarle e di condividerle è diventato forte ho sentito che era giunto il momento di dare gambe al progetto e, insieme a nuovi e vecchi amici, lo abbiamo realizzato. Nelle sue parti vocali è stato registrato al Maia Studio di Genova, prodotto da me e da Andrea Torretta. Roland Grapow, John Macaluso, Alberto Bof e gli altri hanno potuto registrare direttamente nei loro paesi e poi, grazie alla tecnologia moderna, inviare ad Andrea le loro parti per essere sapientemente assemblate.. Per fortuna siamo riusciti ad aggirare eventuali rallentamenti legati alla pandemia !

SGW: La copertina: com’è nata l’idea e chi l’ha realizzata ?
Lace:
L’artwork è stato realizzato da Davide Incorvaia, Digital Marketer, Communication Strategist & Creative Director di lunga esperienza che, in collaborazione con la bravissima fotografa Sara Valastro, ha confezionato un lavoro accattivante e allo stesso semplice, che richiamasse con colori e scelte stilistiche il tema di un Rock adulto, sobrio.. vista la mia età decisamente matura.. proprio come desideravo ! Con un pizzico di protagonismo poi, devo ammetterlo, l’idea di un disco solista con la mia immagine in copertina mi piaceva un bel po’ ! Hahaha !

SGW: Come si svolge solitamente il processo compositivo dei Lace?
Lace:
Essendo solo all’inizio di questa esperienza ti confesso che faccio un po’ fatica ad immaginare una modalità replicabile per la composizione, raccontandoti come è nato questo album posso dire che fondamentalmente si tratta di idee che abbiamo sviluppato nel tempo Andrea Torretta, Stefano Lionetti ed io. Parlando del mio approccio, generalmente parto con una melodia che mi risuona in testa e cerco di darle un po’ di struttura accompagnandomi con la chitarra. Quando la canzone è arrivata ad un punto sufficiente per essere condivisa corro da Andrea o da Stefano con una registrazione “casereccia” e da lì iniziamo a lavorare. Il loro contributo è stato preziosissimo in questo EP, Andrea mi ha supportato in maniera significativa su On Your Way e Lost In Your Hands; a Stefano va il merito di aver composto le musiche e gli arrangiamenti dei 4 brani centrali in maniera spettacolare ! Mi ritengo estremamente fortunato ad averli avuti a bordo..

SGW: Stai già pensando ad un nuovo album? E cosa dobbiamo aspettarci dai Lace in futuro?
Lace:
In tutta sincerità, a parte qualche idea su alcune nuove canzoni, per il momento mi voglio dedicare alla promozione di questo EP. Insieme agli amici di Nadir, la mia casa discografica, stiamo anche riflettendo sulla possibilità di valutare alcune esibizioni Live. Quindi direi che per il momento abbiamo abbastanza da fare !​

SGW: Come reputi la scena hard rock e metal italiana oggigiorno?
Lace:
In una parola ? Sottovalutata ! Come spesso accade il Mainstream Market non rispecchia al meglio la realtà Underground, quella che si respira nei club e ai Festival. Credo che al momento nel nostro paese ci siano tantissime ottime band che non stanno ricevendo la giusta attenzione, in questo senso le Label indipendenti e le WebZine come la vostra assumono un ruolo fondamentale sia in termini culturali sia, a mio parere, in termini sociali. Per dirla tutta, ad esempio, potrei farti i nomi di almeno 10 cantanti (troppo poco conosciuti) che sbaraglierebbero chiunque ad un qualsiasi talent show televisivo ! Hahaha !

SGW: Quali sono le tue influenze musicali?
Lace:
Ce ne sono talmente tante che potrei scrivere per ore ! Inizio dichiarando la mia top 5: Joey Tempest (anni ‘80/’90), Myles Kennedy, Jorn Lande, Jon Bon Jovi e un pizzico di Chad Kroeger. Va da se’ che queste influenze hanno un impatto molto rilevante sul sound del nostro progetto, ad esempio per quanto riguarda le linee vocali, amo mixare vocalizzi tipici di Jorn e Tempest con armonizzazioni che sfiorano il colore dei Nickelback e degli Alter Bridge.

SGW: Ultima domanda libera: scrivi ciò che vuoi!
Lace:
Hahaha ! Ok ! Davide, come possiamo entrare in contatto con te ? Vi aspetto alla prima occasione che avrò di andare live e, se ascoltando il mio album vi farà piacere condividere con me le vostre emozioni e i vostri pensieri, sarò super felice di entrare in contatto attraverso i miei canali social. Rock on ! Davide

About Author