La Poliedrica Artista Silversnake Michelle esce con il quarto album “The Mother Code”

La Poliedrica Artista Silversnake Michelle esce con il quarto album “The Mother Code”

Tre album dove non mancano le collaborazioni illustri già dati alle stampe, una carriera nata sui palchi teatrali ed un percorso musicale iniziato come soprano, passato per l’etnomusicologia ed approdato ai brani di cui da sempre è sia autrice che interprete. Ed ora la poliedrica Silversnake Michelle giunge alla pubblicazione del suo quarto lavoro “The Mother Code”, uscito il 21 Aprile 2020 per l’etichetta discografica Areasonica Records.

Nove tracce per un album che solo apparentemente ha uno stile più scanzonato dei precedenti ed una matrice rock dalle molteplici influenze e sperimentazioni che vanno dal blues al rap, su cui l’artista si diverte a giocare con le metafore ed i simbolismi nei testi sempre molto criptici, che ancora una volta non mancano di toccare tematiche spinose e personali.

L’uscita di “The Mother Code” è accompagnata dal lancio in radio del primo singolo “Plastic”, con cui Silversnake ci offre una risoluta critica al mondo dei Talent Show, attraverso il suo NO secco e determinato ad una insistente proposta di parteciparvi.

Tracklist

  1. The Empty Fullness
  2. Plastic
  3. Blue Glue
  4. Irreversible And Massive Necrosis
  5. Eukaryoter
  6. 32 December
  7. ItAlien
  8. Just A Name
  9. Silversnake

Artista poliedrica, Micaela Battista – in arte Silversnake Michelle – muove i primi passi della sua carriera nella recitazione, che studia presso il Teatro Nuovo di Torino con Renato Liprandi prima, e poi presso il Tangram Teatro sotto la guida di Ivana Ferri e Bruno Maria Ferraro. Partecipa quindi a numerosi spettacoli teatrali, cimentandosi sia in ruoli drammatici (Lady Macbeth tra gli altri) sia nell’interpretazione di ruoli brillanti.
Nel 2011 arriva la svolta musicale: Micaela segue la formazione corale come soprano presso i Civici Cori di Milano e nello stesso anno studia etnomusicologia all’Università di Musicologia di Milano. Di lì a pochi anni inizia quindi una ricerca musicale fortemente legata al suo percorso personale, ed è così che nasce Silversnake Michelle, insieme ai brani di cui l’artista è sempre autrice ed interprete.
Con la collaborazione di Dario Arena (chitarra) e Daniele Marchetti (tastiera e chitarra) che contribuiscono agli arrangiamenti dei brani, nel 2014 esce il primo album “So in my mind”, un concept di nove tracce con il contributo della batterista Paola Caridi (Fedez, Fabrizio Moro, Laura Bono, Massimo Ranieri).
Nello stesso 2014 Silversnake Michelle partecipa alla trasmissione televisiva statunitense Live From Center Stage, dove si esibisce accompagnata da artisti del calibro di Charles Berthoud e Greg Baker (batterista di Village People e Sister Sledge).
Nel 2015 si dedica quindi alla produzione del secondo album “Her Snakeness”, che vede la collaborazione al mixing e agli arrangiamenti di Marcello De Toffoli (Umberto Tozzi). Un disco in cui l’artista si cimenta con sonorità dal sapore spiccatamente progressive rock, che vedrà la luce nel 2016.
Nel frattempo inizia la collaborazione con la rivista musicale Micsugliando, dove Micaela cura la sua rubrica Under My Pencil, dal titolo di un brano del suo debut “So in my mind”.
È poi la volta del terzo lavoro “…Buries The Secret Of…”, Ep di sole 3 tracce del 2017 che rappresenta una sorta di chiusura concettuale dell’album precedente.
Il quarto lavoro targato Silversnake Michelle, dal titolo “The Mother Code”, esce ad Aprile 2020 per la label bolognese Areasonica Records.

Related Articles

Lascia un commento