4 Marzo 2024

I Fiume Nero sono una band proveniente da Brescia, attiva già da alcuni anni nel panorama black metal underground e approdano al loro terzo full-length, in questo 2022. In realtà questo nuovo album, Lovecraft Cap II, era già pronto e disponibile in versione digitale nel 2021, ma per problemi legati alla guerra tra Russia ed Ucraina la versione fisica, che doveva essere rilasciata dalla label ucraina Vacula Productions, non è più uscita fin quando Broken Bones Records ha preso nel proprio roster la band e ha pubblicato questo album ad agosto 2022.

Black metal scarnificante e primordiale, dettato da ritmi marziali di batteria, voce graffiante e riff ribassati e iper compressi, oltre che una sorta di predilezione per soluzioni vicine al black metal sinfonico a tratti. Questi sono le carte che i Fiume Nero si giocano in questo loro nuovo album, il tutto arricchito da una produzione azzeccata per il tipo di black metal proposto, sempre in bilico tra tradizione e voglia di offrire un prodotto che non sia uguale a tutte le altre produzioni del genere. In questo senso nell’album si possono trovare momenti anche impegnativi all’ascolto, come succede nelle tracce più lunghe tipo “Necronomicon” e “Mors Omnia Vincit”, dove si scorgono anche momenti più riflessivi e dove sono presenti alcuni rallentamenti molto inquietanti.

Il concept del disco, d’altronde, è chiaro sin dal titolo, è devoto alle oscure scritture del “Necronomicon” di Lovecraft, e la musica per oltre un’ora vi accompagnerà in questo viaggio, con le liriche in italiano a rendere più particolare il tutto. Una musica che va di pari passo alle tematiche, senza compromessi e con una visione chiara di cosa la band voglia offrire, non volendo omologarsi a nessun trend specifico anche inerente il black metal stesso, ma nemmeno prendendone le distanze. Tante soluzioni coraggiose e intelligenti che sapranno stuzzicare coloro che vogliono un prodotto classico ma non troppo banale.

About Author