Disponibile su Spotify “From My House To Your House”, l’Ep di The Alien Cormorant & Cecilia Miradoli

Disponibile su Spotify “From My House To Your House”, l’Ep di The Alien Cormorant & Cecilia Miradoli

From My House To Your House è l’EP in collaborazione tra il musicista e produttore scozzese The Alien Cormorant e la songwriter e cantante italiana Cecilia Miradoli, componente del duo PINHDAR. Nato e sviluppato a distanza durante il recente lockdown imposto dall’emergenza sanitaria mondiale, in un periodo di forte tensione emotiva, l’EP è costituito da cinque brani tra dream pop e neoclassical dark wave ed è ed è disponibile in download su Bandcamp dal 5 giugno, con proventi devoluti in beneficenza alla Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano e alla Dundee Foodbank, e su Spotify da oggi 30 giugno.

I due artisti hanno condiviso via e-mail le loro esperienze di vita in isolamento, nelle rispettive città, ovvero Milano e Dundee, in Scozia. Questi scambi si sono ben presto trasformati in idee musicali, mandate l’uno all’altra, sviluppate separatamente e poi registrate nei propri studi casalinghi. Il risultato è From My House To Your House, titolo ispirato ad alcuni graffiti trovati da Miradoli nel capoluogo lombardo.

Miradoli racconta: “Lo spazio si contrae mentre le nostre menti si espandono, producendo immagini e suoni: inventare, rispetto a prima, è un atto ancora più libero. Il mio lato oscuro emerge, parlando di solitudine e disperazione malinconica, mescolandosi alla paura senza rinunciare a una luce di speranza. Scrivere dei testi mentre senti il suono delle ambulanze all’esterno, oppure comporre una melodia mentre l’unica porzione di cielo blu che ti è permesso vedere è quella attraverso gli edifici fuori dalla tua finestra, descrive l’umore in cui mi trovavo mentre stavo lavorando sulla musica di The Alien Cormorant. Musica che mi arrivava da un Paese diverso, da una casa diversa… vivendo, però, lo stesso drammatico momento storico”.

The Alien Cormorant aggiunge: “Quando ho ascoltato le canzoni dei PINHDAR, ho immediatamente adorato la voce di Cecilia, quindi le ho proposto di collaborare assieme. Le ho inviato la musica che avevo inciso e lei mi ha risposto con melodie e cantati che ho aggiunto alle tracce originali. I testi di Cecilia sono relativi alle sue sensazioni durante il lockdown. Ci sono vari temi che emergono nelle nostre canzoni, ma le principali sono la rabbia e la speranza. Suppongo che siano reazioni universali alla pandemia, indipendentemente dalle appartenenze geografiche. Per noi è stato facile collaborare a distanza: sarà perché condividiamo la passione per Portishead, Nico ed Ennio Morricone, così come per Kubrick e Kafka, oltre che la stessa visione della vita e della politica internazionale. Sebbene questi strani tempi abbiano posto delle restrizioni a ciò che classifichiamo come normalità, c’è molto più tempo per riflettere ed essere creativi. Questa collaborazione ha fatto da colonna sonora alle mie giornate nel corso dell’ultimo mese e mi ha portato conforto. Mi auguro che l’ascoltatore possa provare altrettanto”.

Dall’EP sono stati già estratti due singoli, accompagnati dai relativi video: quello di It Is Not Tomorrow Yet è stato girato durante la quarantena con il solo ausilio di un iPhone da Max Tarenzi, l’altro membro dei PINHDAR, nell’abitazione di Milano che funge anche da studio di registrazione del duo italiano, per poi essere montato ed editato da The Alien Cormorant; quello di Life Is On Pause è stato invece realizzato interamente da The Alien Cormorant, imbattutosi a Dandee in una danzatrice orientale che è divenuta la protagonista delle sue riprese.

Il terzo nuovo video di Resto Sveglia è stato infine editato e prodotto da The Alien Cormorant utilizzando materiale filmato da Miradoli a Milano. Miradoli dice a proposito della canzone: “Resto Sveglia è il ritratto delle notti insonni che milioni di persone hanno trascorso in questi lunghi mesi di lockdown. Le notti trascorrevano ascoltando ogni più piccolo suono proveniente dall’esterno, un esterno divenuto sconosciuto e pericoloso. Queste notti possono essere descritte solo attraverso i rumori della città addormentata, che sono un ricordo di una normalità perduta. Ascoltando i miei pensieri proiettati sulle pareti di una stanza che mi ha trasmesso sicurezza ma anche una sensazione di claustrofobia. Il tempo scorreva sempre nello stesso modo, notte dopo notte, mentre mi svegliavo in attesa di un altro giorno sospeso”. The Alien Cormorant conclude: “Il video cattura alla perfezione la natura intensamente claustrofobica della canzone. Dopo aver trascorso molte notti stando sveglio, chiedendomi cosa ci avrebbe riservato il futuro nella ‘nuova normalità’, ho sfruttato questa esperienza per integrare i miei pensieri notturni con idee visive”.

The Alien Cormorant è lo pseudonimo di Alan Cormack, musicista, produttore e videomaker nato a Dundee. Ha composto colonne sonore per numerosi film e videogame nominati ai premi BAFTA e ha da poco lavorato con il leggendario produttore Steve Albini. Alan fa anche parte dei pionieri indie scozzesi Spare Snare.

Cecilia Miradoli è una cantante e songwriter di base a Milano. Cecilia ha iniziato la sua carriera musicale in giovane età, collaborando e suonando in tour mondiali assieme al compositore e pianista jazz Giorgio Gaslini. Si è anche esibita con gli artisti jazz Mal Waldrom, Steve Lacy e Ludovico Einaudi. È stata la principale vocalist della rock band Nomoredolls. È metà del duo PINHDAR, attualmente in studio per ultimare il nuovo album.

Related Articles

Lascia un commento