24 Giugno 2024

Nato nel 1964, Carlo Audino inizia a suonare la chitarra nel 1979 seguendo le orme del padre Antonio. Nel giro di pochi mesi inizia a scrivere le sue prime canzoni ispirandosi non solo ad altri cantautori, ma soprattutto a Ivan Graziani e Mango.

Negli anni successivi partecipa a innumerevoli festival e concorsi musicali durante i quali entra in contatto con altri artisti coetanei. Nel 1996 e nel 1997 è all’Accademia della Canzone di Sanremo con un giovane e disorientato amico dell’epoca: Tiziano Ferro.

Nel frattempo crea uno studio di registrazione per poter registrare le sue emozioni, affinando le sue doti di arrangiatore e fonico. Suona con continuità con band più o meno improvvisate e in duo in numerosi piano bar e pub, soprattutto a Roma e provincia, ma anche a Milano, Londra e in genere nel Kent (UK). Dal 2021 ha iniziato a pubblicare le sue canzoni.

“A domani”, è un brano che si può catalogare tra le file di un classico Alternative Folk Rock, ben esaltato da una voce decisa che esalta l’atmosfera , qualcosa di decisamente originale coinvolgente e travolgente una proposta che si lascia ascoltare con estrema faciltà e naturalezza.

Un andamento dinamico dove profondità e corpo si amalgamano grazie ad un buon collante fatto di suoni ricercati e ben adattati al contesto musicale che impreziosiscono l’ascolto creando un ottimo impatto sonoro.

Un ascolto che lascia trasparire buona dote tecnica e compositiva, e che dimostra come Carlo sappia muoversi con dimestichezza nel proprio ambiente musicale. “A domani”, pone le basi su metriche e riff davvero azzeccati, riuscendo a dosare una mole di suoni che regalano concretezza ed un sound maturo quanto basta per farsi notare ed apprezzare.

7.0/10

Tracklist:

  1. “A domani”

About Author