5 Marzo 2024

L’album di debutto degli Amphettamine “De: Composto” mescola influenze dall’universo grunge e gotico, creando qualcosa di originale e innovativo nella musica alternativa. Tredici brani compongono il disco, il primo dei quali è un’introduzione.

Tutti i testi trattano temi personali di Amandha Ribaski (fondatrice degli Amphettamine), seguendo un tema oscuro e quotidiano, cercando di essere il più reale e sincero possibile, con la parte strumentale che segue le sfumature. L’album comprendeva alcuni musicisti ospiti ed è stato prodotto nello studio “Funds House”, pubblicato dall’etichetta Electric Funeral Records.

“De: Compondo”: https://onerpm.link/759943127438

Amphettamine è un progetto solista, idealizzato e fondato all’inizio del 2020, da Amandha Ribaski (cantautrice e cantante). Nell’aspetto lirico, questi sono temi oscuri, reali e quotidiani, ispirati a situazioni personali. Le melodie seguono le sfumature, cercando la loro originalità e contenendo influenze post grunge, gotiche e industriali.

Il progetto vede anche la partecipazione di musicisti ospiti: Roberto Hendrigo (Remedy Tones, Marven James, ex-Semblant), Malcom Gouvêa (Independente) e Jefferson Verdani (Cülpado, Jailor, Axecuter e Sadtheory), che hanno partecipato ad alcuni brani, come compositori o esecutori.

In questa intervista, parliamo con Amandha Ribaski delle sue influenze musicali, piani futuri, traiettoria, tra le altre curiosità. Guardare!

SGW: Da dove viene il nome “Anfettamina”?
Amphettamine:
Il nome Anfettamina è nato durante la mia adolescenza. Stavo facendo uno studio sulle sostanze nocive per l’uomo e ho scoperto che l’anfetamina era classificata come una delle più pericolose, perché è presente in quasi tutte le droghe illecite e per il suo alto rischio di dipendenza. Ho letto anche di tutti gli effetti della sostanza, che oltre al lato distruttivo, ha caratteristiche simili con i sintomi di quelli anche distruttivi, attacchi di panico e depressione, che sono direttamente correlati ai messaggi che mi avvicino molto nel parte lirica delle canzoni. Per questo ho scelto il nome “Amphettamine” (con due “t” che formano una croce verticale e un’altra capovolta a simboleggiare il bene e il male delle cose).

SGW: Come e quando è nata l’idea del progetto?
Amphettamine:
L’idea concreta per il progetto è nata nel 2020 durante la pandemia, ma fin da bambino sognavo il mio progetto musicale. Così durante Lockdown mi sono preso una pausa dalle altre band in cui mi trovavo e ho avuto il tempo di dare vita al mio progetto solista che è diventato Amphettamine. Ho sempre desiderato questo progetto, tanto che ho avuto alcuni testi in tasca per circa 15 anni. È stato molto naturale come tutto sia nato perché avevo già molte cose idealizzate nella mia mente.

SGW: Com’è stato il processo di registrazione e composizione dell’intero album pubblicato?
Amphettamine:
È stato tutto molto naturale! Fortunatamente ho avuto un forte legame con il produttore dello studio in cui ho registrato e ha rapidamente catturato tutte le mie idee, aiutandomi molto con le composizioni. Pertanto, posso dire che registrare e comporre l’album Full è stato molto naturale e piacevole. Un altro fatto interessante delle registrazioni è che io canto, ma non suono bene gli strumenti, quindi ho cantato come volevo le melodie strumentali e il produttore me l’ha registrato! Anche alcuni musicisti ospiti mi hanno aiutato con questa parte, che è stata davvero divertente e ha prodotto alcune battute interne, ahah!

SGW: Quali sono le tue principali influenze musicali?
Amphettamine:
Sono una persona eclettica all’interno del rock, mi piace di tutto, dal blues al black metal, ma posso dire che le mie più grandi influenze provengono dall’universo grunge e gothic. Alcuni nomi che potrei citare sono: Nirvana, Alice In Chains, Silverchair, Smashing Pumpkins, Placebo, Nine Inch Nails, Anathema, Katatonia, Type O’ Negative e altri.

SGW: Quali ispirazioni sono presenti in questa ultima release?
Amphettamine:
Le composizioni affrontano storie personali?Ho cercato di essere il più veritiero possibile, quindi tutte le composizioni sono storie personali, ispirate dai miei sentimenti riguardo ai problemi che devo affrontare con la depressione, la sindrome di panico e le crisi familiari. È, in un certo senso, il mio sfogo.

SGW: L’ultima uscita è stata accolta molto bene sui siti musicali specializzati nazionali e internazionali. Come vedi un feedback così positivo sul materiale pubblicato?
Amphettamine:
Sono molto felice ed entusiasta che le mie canzoni raggiungano ancora di più e tocchino un numero maggiore di persone che si identificano con ciò che sento e trasmetto attraverso la musica! È un sogno che si avvera e sono entusiasta di essere riconosciuto per questo, poiché ho riversato tutto il mio cuore e la mia anima in questo progetto!

SGW: Le tue canzoni dimostrano molta intensità e consegna. C’è qualche composizione che è più speciale per te?
Amphettamine:
Tutte le canzoni sono speciali proprio per l’intensità e la consegna che ci metto, ma posso dire che la canzone “In Despair” è quella che ha un pezzo un po’ più grande nel mio cuore!

About Author